Blog di Genitori

Come parlare con i figli adolescenti. La risposta delle psicologhe

Come parlare con i figli adolescenti psicologhe | Genitorialmente

Come parlare con i figli adolescenti psicologhe | Genitorialmente

Continua la collaborazione con i genitori del blog Genitorialmente e questo mese il tema è:

Come parlare con i figli adolescenti.

Manu, nel post Come  dialogare con i figli, le domande di un genitore ci parla di quanto per lei sia importante il dialogo con le sue figlie, forse anche perché è la cosa che sente esserle mancata di più con i suoi genitori:

“Il dialogo per me è fondamentale a tutte le età, io sono malata di dialogo. Forse un genitore riflette sui figli quello che ha vissuto quando il figlio era lui. Può succedere che ti comporti come i tuoi genitori si sono comportati con te o esattamente al contrario, ecco questo è il mio caso.”

Ci parla di quanto, proprio per questo, quando questa modalità sembra non funzionare, si sente frustrata.

Eh già! Uno cerca di fare del proprio meglio e di evitare di ripetere gli errori fatti dai propri genitori e poi si ritrova a vivere le loro stesse frustrazioni.

Con i figli che a volte parlano e a volte no, con le differenze tra un figlio e un altro che fanno capire che davvero non si può mai abbassare la guardia e pensare di avercela fatta, di avere trovato la chiave per entrare nella stanza dell’adolescenza, perché poi questa chiave, a un certo punto, nella toppa non ci entra più!

Come parlare con i figli adolescenti? 

Cosa fare quando un figlio non parla?

   “Che cos’hai fatto oggi?”        

 

    “Niente”

Quante volte siamo stati protagonisti o testimoni di una conversazione di questo tipo tra un genitore e suo figlio adolescente?

“Niente” è una risposta adolescenziale molto tipica che suscita negli adulti reazioni di fastidio e disorientamento.

   “Ci vediamo così poco e tu non hai nemmeno voglia di parlare”

Questa può essere la conseguente risposta piccata del genitore di turno che porterà probabilmente il ragazzo a rispondere con uno sbuffo contrariato “uff”!

I genitori si sentono confusi di fronte alla carenza di comunicazione dei propri figli, soprattutto quando il lavoro e gli impegni riducono le occasioni di incontro, ma quel “niente” a volte significa soltanto “non è il momento”.

Il compito difficile dell’adulto è quello di mantenere viva la propria curiosità nei confronti del figlio, senza assillarlo e, se saprà attendere il momento giusto, si ritroverà ad ascoltare racconti dettagliati di giornate attuali e persino passate…a volte fino alla nausea.

Quando si hanno figli adolescenti succede questo: silenzi e musi lunghi si alternano a relazioni dettagliate persino relative a mesi precedenti; arriva un momento in cui un evento diventa disponibile alla narrazione e d’un tratto la parola trova voce e prende vita.

Questo accade quando è possibile, quando è giunto il momento.

In adolescenza il processo di costruzione della propria identità passa anche attraverso le parole per dire se stessi.

Nella cosiddetta afasia degli adolescenti non sempre c’è un esplicito desiderio di non parlare con gli adulti, spesso è presente una difficoltà: l’impossibilità a dire una determinata cosa e allo stesso tempo la difficoltà a parlare di questa impossibilità.

Come parlare con i figli adolescenti?

Non si tratta, per usare le parole di Manu,

  “di stare fermi e aspettare che l’adolescenza passi”

ma di sintonizzarsi emotivamente e affettivamente con se stessi e con i propri figli e comprendere in questo modo di cosa parla il proprio desiderio di dialogo e l’angoscia determinata dai silenzi di un figlio.

Mamma Manu è stata bravissima a mettersi in questa posizione di ascolto e ha trovato le sue risposte “la prima risposta è perché sono le mie figlie, mi piace parlare con loro, conoscerle, vedere come crescono, il secondo motivo, forse il più importante, proprio per il fatto che sono adolescenti, è perché ho paura.”

Paura che tanti genitori hanno in questo periodo della vita dei figli: la paura che questi facciano degli errori, dei grandi errori, di quelli che sembrano irreparabili, quelli per cui si pagano le conseguenze per molto tempo.

È comprensibile, umano e condivisibile voler aiutare i propri figli e sostenerli perché siano in grado di non mettere a rischio la propria sicurezza e siamo d’accordo con quanto dice Manu

   “Se avete un problema importante, le vostre amiche potranno ascoltarvi, ma solo i vostri genitori sapranno aiutarvi.”

Ed ecco un altro tema importante sul quale soffermarsi: Siamo proprio sicuri che anche il silenzio di nostro figlio non sia un modo per comunicare con noi?

Come parlare con i figli adolescenti?

L’adolescente non è solo un musone che non ha voglia di parlare con i genitori, ma anche un individuo che sta costruendo la propria coscienza di sé attraverso il silenzio, che spesso non viene tollerato dagli adulti perché loro stessi non sono più abituati a viverlo.

Eppure il tempo del silenzio e della riflessione è un tempo fondamentale per metabolizzare le sensazioni e le esperienze.

In questa fase la voglia di parlare e i silenzi si alternano e diventa importante avere dei segreti da non condividere con i grandi, genitori in primis. La parola prende più facilmente voce con gli amici, soprattutto quelli più cari, magari l’amico intimo con cui si costruisce anche un linguaggio condiviso.

In un momento come questo l’adulto dovrebbe osservare e ascoltare anche il silenzio, che è comunque comunicazione. Bisognerebbe avere la capacità di considerare il silenzio di un figlio non come un blocco, ma anche come un’occasione di crescita.

Il silenzio di un adolescente non ha bisogno di parole ma di presenze rispettose e permette un contatto con l’altro nel momento in cui il proprio diritto a tacere viene riconosciuto, come diritto all’alterità.

Attraverso il riconoscimento del suo silenzio l’adolescente si sente riconosciuto anche come individuo indipendente e impara a stare, a rivolgere la propria attenzione anche verso il mondo interno, a fare imprimere le esperienze perché possano lasciare il segno.

Vede riconosciuto il suo diritto di prendere tempo per capire le cose, per viverle anziché correre loro accanto.

Melania Cabras e Maria Grazia Rubanu

Psyblog. La sostenibile leggerezza dell’essere

Studio di psicologia Psynerghia

Leggi anche

Il ruolo paterno nell’educazione delle figlie – Le domande dei genitori

Il ruolo paterno nell’educazione delle figlie – Le risposte degli esperti

Omosessualità: come parlarne con un adolescente – Le domande di un genitore

Omosessualità: come parlarne con un adolescente – Le risposte degli esperti

Come costruire autostima negli adolescenti. Le domande di un genitore

Come costruire autostima negli adolescenti. Le risposte degli esperti

Per leggere tutti i post clicca su: Adolescenti – Figli al centro

 

(Visited 310 times, 1 visits today)
Similar posts
  • Come gestire la separazione con figli. La risposta delle psicologhe Prosegue la collaborazione con il blog Psyblog e questo mese parliamo di separazione e gestione della relazione con i figli. Come gestire la separazione con figli? La risposta delle psicologhe.   Come gestire la separazione con figli? La risposta delle psicologhe. Le storie di tre donne ci guideranno attraverso i problemi più importanti della separazione con [...]
  • Come scegliere la scuola superiore: 8 consigli importanti Come scegliere la scuola superiore: 8 consigli basati su esperienza e buon senso. Scegliere la scuola superiore è un percorso da affrontare con i propri figli con la giusta calma e determinazione. Ecco come. Come scegliere la scuola superiore giusta è la domanda che mia figlia sta facendo a se stessa e a noi ormai [...]
  • Come gestire la separazione con figli. Le paure di un genitore. Come gestire la separazione con figli è l’argomento di questo mese. Le storie di tre donne ci guideranno attraverso i problemi più importanti della separazione con figli. Due psicologhe ci aiuteranno con la loro esperienza a trovare le risorse per gestire questo momento così amaro e complicato   Racconteremo la storia di tre mamme: Selena, Antonella [...]
  • Figli al centro. Una grande mamma ci ha chiesto aiuto. La lettera di una mamma che si è trovata di fronte alla confessione importante di sua figlia che con le lacrime agli occhi le parla della sua bisessualità. Figli al centro è  il nome del nostro progetto di crescita come genitori. Con noi collaborano due psicologhe Melania Cabras e Maria Grazia Rubanu di Psyblog E’ uno [...]
  • Fiori di Bach e la scuola: un aiuto reale Tornare sui banchi è spesso fonte di stress per ragazzi e genitori, oggi ospitiamo Fabiana che ci parlerà dei Fiori di Bach e di come possono aiutarci nella ripresa scolastica Quando si parla di Fiori di Bach si parla di un rimedio vibrazionale che io reputo essere magico per l’infinità di benefici che porta con [...]

LASCIA IL TUO COMMENTO: A NOI INTERESSA!

1 Commento su "Come parlare con i figli adolescenti. La risposta delle psicologhe"

Notify of
avatar
trackback

[…] di Psyblog  e  Studiopsynerghia ci hanno aiutato a trovare alcune risposte  con il post Come parlare coi nostri figli, il resto tocca a […]

wpDiscuz

Iscriviti alla Newsletter

Scuola – Schede da scaricare - Genitorialmente
Figli al centro – gli psicologi rispondono - Genitorialmente

Genitorialmente collabora con PsyBlog: PSICOLOGIA E RELAZIONI

Studio di psicologia Psynerghia

Per conoscerci o contattarci

Genitorilmente - Manu e Flavia - Chi Siamo        Genitorilmente - Manu e Flavia - Contatti

Fai like sulla nostra Pagina Facebook

I Nostri Archivi

I Nostri Argomenti Preferiti

Segnalati da…

Genitorialmente Creativi: The Creative Factory

Genitorialmente Cretivi: The Creative Factory

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: