Adolescenti chiusi in casa, sempre attaccati al cellulare, se da un lato è diventato lo strumento per mantenere i rapporti con i coetanei, dall’altro è anche lo strumento che li allontana dalla vita reale proiettandoli nel mondo virtuale.

Adolescenti chiusi in casa | Genitorialmente

Come stanno vivendo i nostri ragazzi?

Mia figlia inizia la Didattica A Distanza alle 9,15, si alza circa 10 minuti prima, se riesce fa colazione altrimenti la fa durante la lezione.

Ancora mezza addormentata accende il microfono per dire “presente” e poi ricade nell’oblio e nel mondo di Tik Tok o Instagram.

Così passa la prima ora. Pian piano i compagni incominciano le chat sul gruppo di Whatsapp, le telecamere sono ancora quasi tutte spente, i professori mentre spiegano chiedono ai ragazzi di accenderle, alcuni lo fanno, ma la maggioranza è in off ... sotto tutti i punti di vista.

Mi è capitato di sentire qualche lezione e il mio primo pensiero è stato “Che fatica”. Gli insegnanti cercano in tutti i modi di stimolare i ragazzi, di coinvolgerli, ma troppo spesso le uniche risposte che riescono ad ottenere sono solo dei monosillabi.

Terminata la DAD inizia un pomeriggio di “trascinamento” e di apatia.

I compiti si trascinano per tutto il pomeriggio e anche per tutto il week end. I giorni sono tutti uguali e i ragazzi ormai sono diventati apatici, svogliati e non escono neanche più.

Adolescenti chiusi in casa anche quando il colore della regione dà la possibilità di uscire.

Non sono più capaci di stare insieme. Le insicurezze tipiche di questa età stanno prendendo il sopravvento soprattutto per i ragazzi più fragili. Dalle mascherine emergono quegli occhioni che non sanno dove guardare.

Come non capirli, siamo tutti (o quasi) chiusi in casa da mesi. Dobbiamo ammetterlo, anche noi adulti iniziamo ad avere qualche difficoltà, preferiamo un messaggio ad una telefonata e più il tempo passa più diventa difficile.

Adolescenti chiusi in casa per timore di scrivere “Ci vediamo?”

Perché poi quando sei fuori cosa ti dici?

Guardarsi negli occhi non è così semplice a questa età.

Noi genitori cosa possiamo fare?

E’ giusto spingerli ad uscire? Sto ovviamente parlando di situazioni sicure, io ci ho provato ma non è servito a nulla, solo ad inasprire gli animi, come se non bastasse la situazione difficile che stiamo vivendo. C’è chi si ammala, chi muore, chi perde il lavoro, di fronte a tutto questo la solitudine degli adolescenti potrebbe apparire una cosa minima, ma se l’adolescente è tuo figlio non sempre riesci ad avere una prospettiva più globale.

Stiamo sbagliando?

Forse in tutto questo il problema degli adolescenti chiusi in casa non è un vero problema?

Adolescenti chiusi in casa per pigrizia? Per paura del Covid? O perchè la timidezza, tipica di questa età, è cresciuta in modo esponenziale.

Come genitore mi sento impotente, se da una lato mi viene istintivo spingere mia figlia ad uscire e quindi diventare una rompiscatole cosmica, dall’altro sono consapevole di quanto sia difficile per questi ragazzi abbattere il muro delle loro paure.

Ma allora cosa può fare un genitore quando si rende conto che il figlio non esce più?

Lo chiediamo alla nostra Psicologa Psicoterapeuta Maria Grazia Rubanu che nei primi mesi della pandemia ci ha dato suggerimenti importanti su come convivere con il covid , ma oggi le nostre paure si sono consolidate. Nei prossimi giorni pubblicheremo il suo punto di vista e i suoi consigli.

Io credo che la riapertura delle scuole sia necessaria non solo per l’aspetto didattico, ma soprattutto per aiutare una generazione a riappropriarsi della loro vita, spero fortemente che chi decide tenga in debito conto anche della situazione psicofisica dei nostri ragazzi.

Blog di genitori - Manu e Flavia | Genitorialmente

Figli al centro è la rubrica dove abbiamo raccolto le domande e i dubbi di noi genitori, perché il confronto aiuta sempre. Le nostre esperte dello studio Psynerghia ogni mese rispondono alle nostre domande con l’intento di stimolare, attraverso delle riflessioni, la messa in atto delle risorse che le famiglie hanno, anche quando faticano a vederle

Ecco alcuni degli argomenti che abbiamo trattato:

Essere adolescenti al tempo del coronavirusle domande dei genitori e le risposte della psicologa

Le paure degli adolescenti: le domande dei genitori e le risposte della psicologa

Come prepararsi all’adolescenza: le domande le risposte delle psicologhe parte 1 e parte 2

Come togliere il cellulare ai figli: Le domande dei genitori e le risposte delle psicologhe

L’adolescenza con genitori separati o assenti Le domande dei genitori e le risposte delle psicologhe

Il ruolo paterno nell’educazione delle figlie: Le domande dei genitori le risposte delle psicologhe

Adolescenti e problemi scolastici: le domande dei genitori e le risposte delle psicologhe

Dialogo, fiducia, autonomia, autolesionismo, immaturità e maturità, sono alcuni degli argomenti che abbiamo affrontato, se vuoi leggerli tutti clicca su: Adolescenti – Figli al centro

(Visited 1.515 times, 1 visits today)