Blog di Genitori

Mahahual di Pino Cacucci: Il libro della settimana

Mahahual di Pino Cacucci: Il libro della settimana | Genitorialmente

Mahahual di Pino Cacucci: Il libro della settimana | Genitorialmente

Per la nostra rubrica del venerdì, “il libro della settimana”, oggi propongo un libro, per adulti:

Mahahual di Pino Cacucci

Cacucci è uno dei miei autori italiani preferiti; credo di aver letto quasi tutti i suoi libri e sempre ho sensazione di essere in viaggio con lui.

Anche questa volta Cacucci ci porta a spasso per il Messico, ed in particolare nella penisola dello Yucatan, nel sud-est del grande paese centroamericano che è protagonista di molti dei suoi romanzi di viaggio.

Ciu-than, si sentivano dire i Conquistadores quando tentavano un approccio verbale, con le genti incontrate sulle coste della penisola: Ciu-than, «noi non vi capiamo». E storpiando quel suono, pensarono che il luogo si chiamasse Yucatan. Un illuminante esempio di come il rapporto tra conquistatori e conquistati fosse iniziato con la totale incomprensione, destinata a sfociare in perenni guerre e guerriglie sanguinose.

Il libro prende il nome da Mahahual un paese molto piccolo e semi sconosciuto del Quintana Roo che ha come incredibile, e purtroppo tristissima, caratteristica di essere il punto di convergenza di tre differenti correnti marine che trascinano sulla sua spiaggia grandissime quantità di plastica dal sud e dal nord America e spesso anche dall’Europa. Ogni giorno alcuni volontari ripuliscono la loro spiaggia dalla spazzatura che a poco a poco sta soffocando il mare.

Pino Cacucci coglie così l’occasione di ricordare i disastri che la cultura “usa e getta” provoca, anche sulla stessa salute degli esseri umani.

In un libro che parla dello Yucatan, non possono però mancare le storie dei Maya che hanno resistito stoicamente alla conquista degli Europei e che hanno dato prova di essere illustri scienziati e dei grandi astronomi.
I Maya erano matematici straordinari, che avevano compreso l’importanza del numero zero quando ancora nel continente europeo perfino i potenti erano analfabeti.

E parlando del magnifico mare dei Caraibi, non possono neppure mancare le leggende dei pirati, e ci ricorda che tra le loro fila c’era anche delle donne e, ovviamente, ci sono anche le storie dei grandi uomini (e donne) che hanno lottato per i diritti dei più poveri, delle donne e dei lavoratori sfruttati dai grandi latifondisti.

Insomma, ancora una volta Cacucci mi fa venire una voglia disperata di viaggiare.

Buona lettura a tutti i genitori e non!

Genitori - Manu e Flavia | Genitorialmente

Con questo post partecipo al venerdì del libro di homemademamma.

 

(Visited 102 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × uno =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla Newsletter e sarai sempre aggiornato sui nostri post.
Compilando questo modulo d’iscrizione alla Newsletter di genitorialmente.it , si dichiara di aver leggi l’informativa privacy
Si dichiara inoltre di essere consapevoli che il trattamento dei dati è necessario per ottenere il servizio descritto nell’offerta, di essere maggiorenni e si dà il consenso al trattamento dati per le finalità e con le modalità indicate nell’informativa privacy

Scuola – Schede da scaricare - Genitorialmente
Figli al centro – gli psicologi rispondono - Genitorialmente

Genitorialmente collabora con Psynerghia: PSICOLOGIA E RELAZIONI

Psynerghia

Per conoscerci o contattarci

Genitorilmente - Manu e Flavia - Chi Siamo        Genitorilmente - Manu e Flavia - Contatti

Fai like sulla nostra Pagina Facebook

I Nostri Argomenti Preferiti

Genitorialmente Creativi: The Creative Factory

Genitorialmente Cretivi: The Creative Factory