Quando ci vuole h – regole strategie, schede da scaricare | Genitorialmente

Quando ci vuole h – regole strategie, schede da scaricare | Genitorialmente

Quando ci vuole h: le regole grammaticali e le strategie – schede da scaricare

L’italiano è una lingua affascinante, propone un vastissimo dizionario che consente di trovare la giusta sfumatura per ogni concetto; al contempo è caratterizzata da numerose regole che spesso non è semplice applicare correttamente.

Quando ci vuole h: Scarica le schede con le regole grammaticali e le strategie da tenere sempre a portata di mano.

La lettera H si scrivere davanti ad alcune parole per distinguerle da altre; iniziamo con il primo dei grandi dilemmi da risolvere per capire Quando ci vuole h:

HO oppure O? – HAI oppure AI? – HA oppure A?

Quando ci vuole h: due filastrocche che aiutano a ricordare

Quando ci vuole h – regole strategie, schede da scaricare | Genitorialmente

Quando ci vuole h – regole strategie, schede da scaricare | Genitorialmente

ARE, ERE, IRE l’H fan fuggire.

Significa che davanti ai verbi all’infinito non devo mai usare HA, HO e HAI con la H; si usa A, O ed AI:.

  • Vuoi venire a camminare con me?
  • Vuoi mangiare o bere
  • Ora vado a dormire

Questo semplicemente perché nelle frasi riportate sopra, queste particelle del discorso non rappresentano il verbo avere.

ATO, ITO, UTO l’H han sempre voluto.

  • Ieri ho mangiato la pizza.
  • Non ho capito quel che ha spiegato la maestra.
  • Hai voluto la bicicletta, ora pedala.

 

Quando ci vuole h – la regola generale da ricordare è:

Quando ci vuole h – regole strategie, schede da scaricare | Genitorialmente

Quando ci vuole h – regole strategie, schede da scaricare | Genitorialmente

HO oppure O?

  • Uso HO se è la 1° persona singolare del verbo avere.
  • Uso O se è una congiunzione.

Fai una prova: se puoi scrivere OPPURE al posto di O allora non ci vuole H.

Facciamo un esempio.

La frase:

  • “Vuoi la carne o il pesce?”

Può diventare:

  • “Vuoi la carne oppure il pesce?”

Invece la frase:

  • “Ho comprato la bicicletta”

Non avrebbe senso se scrivessi

  • “Oppure comprato la bicicletta”.

HAI oppure AI?

  • Uso HAI se è la 2° persona singolare del verbo avere.
  • Uso AI se è una preposizione articolata.

Fai una prova: se riesci a trasformare “hai” nella forma passata “avevi” del verbo avere allora ci vuole l’H.

Facciamo un esempio.

La frase:

  • “Hai preso la borsa?”

Può diventare:

  • “Avevi preso la borsa?”

Invece la frase:

  • “Sono andato ai giardinetti”

Non avrebbe senso se scrivessi

  • “Sono andato avevi giardinetti”

HA oppure A?

Uso HA se è la 3° persona singolare del verbo avere.

Uso A se è una preposizione semplice.

Fai una prova: se riesci a trasformare “ha” nella forma passata “aveva” del verbo avere allora ci vuole l’H.

Facciamo un esempio.

La frase:

  • “Ha cambiato il vestito”

Può diventare:

  • “Aveva cambiato il vestito”

Invece la frase:

  • “Sono andato a casa”

Non avrebbe senso se scrivessi

  • “Sono andato aveva casa”

 

Consideriamo ora un altro caso nel quale occorre capire quando ci vuole h

HANNO oppure ANNO

Uso HANNO se è la 3° persona plurale del verbo avere.

Uso ANNO se indica il periodo temporale.

Fai una prova: se riesci a trasformare “hanno” nella forma passata “avevano” del verbo avere allora ci vuole l’H.

Facciamo un esempio.

La frase:

  • “I nonni hanno un bel cane”

Può diventare quindi:

  • “I nonni avevano un bel cane”

Invece la frase:

  • “Viene a trovarmi ogni anno”

Non avrebbe senso se scrivessi

  • “Viene a trovarmi ogni avevano”

Genitori - Manu e Flavia | Genitorialmente

(Visited 1.330 times, 1 visits today)