Come organizzarsi per i compiti delle vacanze: i trucchi | Genitorialmente

Come organizzarsi per i compiti delle vacanze: i trucchi | Genitorialmente

Quello che penso sui compiti delle vacanze e sui compiti in generale l’ho espresso chiaramente in diversi post. In ogni caso, che un genitore sia favorevole o sfavorevole ha poca importanza; se l’insegnante ha assegnato i compiti delle vacanze, questi dovranno essere fatti! Tanto vale farli bene e in fretta per godersi al meglio le feste e i giorni di relax.

Per fare bene e in fretta i compiti delle vacanze occorre organizzarsi con cura e soprattutto insegnare ai figli a programmare con attenzione le proprie attività per non ritrovarsi gli ultimi giorni con troppe cose da fare.

Come organizzarsi per i compiti delle vacanze: Fai la scaletta delle attività

Per prima cosa bisogna suddividere i compiti assegnati tra i giorni disponibili; per fare questo innanzitutto escludi i giorni di festa e i giorni nei quali sai già che la famiglia ha un impegno.

Poi fai l’elenco dei compiti delle vacanze cercando di vedere anche quanto sono complicati; su un foglio di carta da appendere in camera o su un’agenda segna, per ogni giorno disponibile, gli esercizi da svolgere e le pagine da studiare.

Una volta stabilita la scaletta è importante che venga rispettata, altrimenti ci si ritrova con troppi arretrati gli ultimi giorni di vacanze. Inoltre, anche imparare a rispettare i propri impegni è una di quelle cose alle quali i bambini purtroppo (o per fortuna) dovranno abituarsi.

Come organizzarsi per i compiti delle vacanze: organizza bene lo studio della teoria e gli esercizi

Per evitare un impegno eccessivo meglio alternare lo studio agli esercizi. Se, ad esempio, ci sono delle pagine di storia e delle pagine di geografica da studiare, meglio evitare di concentrare le due materie in un unico giorno. Dopo la storia o la geografia qualche esercizio di matematica può addirittura diventare un diversivo.

Prima degli esercizi meglio prevedere il ripasso della teoria.

Come organizzarsi per i compiti delle vacanze: facciamo pausa

Per noi adulti i compiti assegnati ai bambini possono apparire banali, abbiamo fretta di finire e vorremmo che i nostri figli li facessero velocemente e bene: forse pretendiamo troppo.

Se i nostri bambini si stancano, è inutile insistere perché continuino senza sosta pur di finire in fretta; il risultato sarà di perdere ancora più tempo in discussioni inutili. È meglio concedere ai bambini una pausa per sgranchirsi le gambe o sgranocchiare qualcosa, per poi riprendere i compiti con la mente più lucida.

Come organizzarsi per i compiti delle vacanze: creiamo l’ambiente giusto

Esattamente come accade per i compiti assegnati a casa durante l’anno, è indispensabile che i bambini abbiano uno spazio non rumoroso e comodo per fare i loro compiti.

In vacanza può essere più complicato, dobbiamo per forza prendere provvedimenti; se ci sono fratelli o amici che possono disturbare, dovremo organizzare dei turni per fare i compiti e chi non sta studiando dovrà trovare un’occupazione silenziosa o lontana dalla camera.

Come organizzarsi per i compiti delle vacanze: la gratificazione

È vero che studiare è oltre a un diritto anche un dovere per i nostri figli, ma se si impegnano, è giusto che ricevano la loro ricompensa!

Non serve pensare a grandi cose, basta una gustosa merenda o un piccolo gioco per far capire ai bambini che abbiamo apprezzato molto il loro impegno e che questo viene ricompensato, a patto che venga fatto con cura.

Genitori - Manu e Flavia | Genitorialmente

(Visited 253 times, 1 visits today)