Blog di Genitori

NO Bullismo. Ascoltiamo la voce dei giovani

La scuola è ricominciata da un po’ di giorni e con lei le prime tensioni tra genitori e figli ma, diciamocelo, questo è abbastanza normale.

Genitorialmente | no bullismo

Bullismo a scuola: questo non è normale.

Fior di esperti trattano questa problematica e quindi non mi permetterei mai di tentare di dare consigli, io in fondo sono solo una mamma, una mamma attenta a cui la vista si annebbia se inizia a sospettare che sua figlia possa essere vittima del bullismo.

Abbiamo già parlato di quanto spesso sia difficile il dialogo con i figli adolescenti, e quindi quanto qualcosa non va i genitori sono gli ultimi a saperlo. Così è successo a me, in questo caso a riferirmelo è stata addirittura la mamma del bullo che inveiva contro mia figlia perché quando suo figlio la insultava lei si metteva a piangere e i professori “se la prendevano” con il ragazzo, quindi lui si sentiva la vittima della situazione

Il ragazzo che non sopporta che mia figlia gli risponda quando lui la “sfotte”, questo ragazzo arriva a dire “Io un giorno quella lì fuori da scuola la picchio, tanto nessuno mi può dire nulla”. La mamma del bullo mi riferisce questo ultimo aneddoto con aria di sfida, quasi come se anche lei volesse minacciarmi; nel post Bullismo fra i banchi di scuola ho raccontato questa triste storia.

Io non sapevo nulla.

Questa grandissima st**** di mamma mi ha aggredito perché mia figlia doveva smetterla di piangere.

Pazzia.

I bulli spesso hanno genitori che li difendono.

Oggi la situazione sembra rientrata, anche se lui continua a essere un compagno di scuola di mia figlia e io non sono mai tranquilla.

Per fortuna i genitori non sono tutti così. Bello il racconto di Giusy in Quando il bullo è tuo figlio . Una mamma che si fa tante domande e che si mette in discussione.

Genitorialmente | no bullismo

Mi fa molto piacere parlare dell’iniziativa dell’AIED sul bullismo che dice NO bullismo

Secondo recenti ricerche la “baby violenza” fatta di prepotenze, minacce, aggressioni fisiche e intimidazioni  colpisce un ragazzo su cinque.

Nella stragrande maggioranza dei casi le violenze, psicologiche, verbali o fisiche avvengono nel luogo in cui i giovani trascorrono numerose ore delle loro giornate; dove vivono le loro principali esperienze, la scuola.

L’Aied, lancia in rete la campagna # NO bullismo – Voce ai giovani.

Si tratta di due iniziative.

  • No bullismo – La prima è una ricerca-sondaggio on line; che si pone l’obiettivo di entrare nel mondo dei giovani, parlare lo stesso linguaggio; capire i motivi che sono alla base della “violenza bulla” e le reazioni di chi la subisce. Cliccando su Sondaggio #nobullismo si accede direttamente al sondaggio anonimo. Bastano due minuti per contribuire a tracciare una mappa più aggiornata e chiara sul bullismo oggi in Italia. I risultati raccolti saranno rielaborati in uno studio che sarà presentato il prossimo 26 novembre.
  • No bullismo – La seconda è una gara di idee per confrontarsi e fornire un contributo concreto per promuovere la creazione e la diffusione di una società basata su confronto, libertà e sicurezza; che prevede un premio finale di € 2.000. Per iscriversi alla gara di idee e candidare la propria proposta cliccare sul seguente link Concorso #nobullismo.

Facciamo la nostra parte, e incominciamo subito a dire

#NOBULLISMO

Blog di genitori - Manu e Flavia | Genitorialmente

(Visited 41 times, 1 visits today)
Similar posts
  • Lavoretti di Natale per bambini: segnaposti natalizi Una delle cose più belle di questo periodo, sono i mille Lavoretti di Natale per bambini che si possono creare per rendere più bella la casa o la tavola. Con i gemelli ho cominciato a preparare i segnaposto natalizi per il mega pranzo di famiglia. I segnaposto natalizi sono molto semplici da realizzare e si [...]
  • Come gestire la separazione con figli. La risposta delle psicologhe Prosegue la collaborazione con il blog Psyblog e questo mese parliamo di separazione e gestione della relazione con i figli. Come gestire la separazione con figli? La risposta delle psicologhe.   Come gestire la separazione con figli? La risposta delle psicologhe. Le storie di tre donne ci guideranno attraverso i problemi più importanti della separazione con [...]
  • Come scegliere la scuola superiore: 8 consigli importanti Come scegliere la scuola superiore: 8 consigli basati su esperienza e buon senso. Scegliere la scuola superiore è un percorso da affrontare con i propri figli con la giusta calma e determinazione. Ecco come. Come scegliere la scuola superiore giusta è la domanda che mia figlia sta facendo a se stessa e a noi ormai [...]
  • Come portare gli sci in spalla: porta sci fai da te Con tre bambini raggiungere le piste con gli sci in spalla, gli scarponi ai piedi e il terreno ghiacciato è una vera tortura; così abbiamo trovato come portare gli sci in spalla senza che diventi una tortura. La soluzione è il porta sci fai da te. In teoria ognuno dovrebbe portare i propri sci, io [...]
  • Come gestire la separazione con figli. Le paure di un genitore. Come gestire la separazione con figli è l’argomento di questo mese. Le storie di tre donne ci guideranno attraverso i problemi più importanti della separazione con figli. Due psicologhe ci aiuteranno con la loro esperienza a trovare le risorse per gestire questo momento così amaro e complicato   Racconteremo la storia di tre mamme: Selena, Antonella [...]

LASCIA IL TUO COMMENTO: A NOI INTERESSA!

DACCI IL TUO PARERE: È MOLTO INTERESSANTE

Notify of
avatar
wpDiscuz

Iscriviti alla Newsletter

Scuola – Schede da scaricare - Genitorialmente
Figli al centro – gli psicologi rispondono - Genitorialmente

Genitorialmente collabora con PsyBlog: PSICOLOGIA E RELAZIONI

Studio di psicologia Psynerghia

Per conoscerci o contattarci

Genitorilmente - Manu e Flavia - Chi Siamo        Genitorilmente - Manu e Flavia - Contatti

Fai like sulla nostra Pagina Facebook

I Nostri Archivi

I Nostri Argomenti Preferiti

Segnalati da…

Genitorialmente Creativi: The Creative Factory

Genitorialmente Cretivi: The Creative Factory

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: