Blog di Genitori

Scambio di neonati in culla: a me è quasi successo.

Lo scambio di neonati in culla è l’incubo ti tutti i genitori, ma sei certo che a te non capiti … invece a me è quasi successo … in un importante ospedale di Milano

Genitorialmente | scambio di neonati-scambio in culla

 

Lo scambio di neonati credo sia un pensiero di molti futuri genitori, i bambini alla nascita sono tutti uguali, o meglio le differenze fra neonati sono davvero piccole e comunque dopo il parto è molto difficile per un genitore riconoscere il figlio appena nato.

Mi ha sempre un po’ preoccupato lo scambio di neonati tant’è che pensavo che avrei fatto un piccolo graffio in faccia alla mia bimba al momento del parto in modo che l’avrei riconosciuta, quando ho informato mio marito della mia brillante idea ….ecco direi che il suo sguardo è stato molto eloquente e mi ha totalmente dissuaso.

In ospedale alla nascita della mia seconda figlia per poco non c’è stato uno scambio di neonati.

Io ho partorito in un importante ospedale di Milano. All’atto della nascita, come credo in tutti gli ospedali, mettono un braccialetto con un numero alla mamma e uno identico al bambino, così da evitare qualunque rischio di scambio di neonati.

Eccoci al secondo incontro con mia figlia, quello in cui sei in camera e ti portano il bambino per la prima poppata, riconosci tua figlia dalla tutina che hai lasciato alle infermiere, e invece ecco il primo problema, quella tutina così importante, scelta con tanta cura, quella che rappresentava il suo primo vestitino in realtà è indossata da un altro bambino.

E’ strano io ho in braccio la mia bimba con una tutina che non è la sua, devo dire che ci sono rimasta davvero male, le infermiere si scusano e mi dicono che provvedono a cambiarla immediatamente.

Per ora si è trattato di uno scambio di tutina, ma il giorno dopo succede molto peggio. Le infermiere mi portano la mia bimba, finalmente la tutina è la sua, ma mi accorgo che su un lato della tutina c’è fissato con una spilla da balia il braccialetto della nascita, proprio quel braccialetto che non dovrebbe mai e per nessun motivo venire via.

Come è possibile? Il braccialetto era chiuso, quel braccialetto che ha come obiettivo evitare lo scambio di neonati era scivolato fuori dal braccino, quindi è cosi semplice perderlo? Dove vanno a finire tutte le attenzioni per evitare lo scambio di neonati?

Chiedo spiegazioni all’infermiera che mi risponde dicendo che visto che mia figlia era piccolina il braccialetto è scivolato fuori ma loro lo hanno prontamente fissato alla tutina, la mia prima reazione è stata di tranquillità, tra me e me pensavo come erano state brave e veloci le infermiere a reagire così prontamente, ma poi ho risentito quelle parole rimbalzarmi nella mente “la bimba era piccola”, ma mia figlia quando è nata pesava 4 Kg!!!

Cosa stanno dicendo?

D’istinto ho scoperto il polso della mia bimba e ho trovato un altro braccialetto, quello giusto, stretto bene con lo stesso numero del mio braccialetto, a questo punto c’era invece un bambino senza braccialetto e se la superficialità era quella, magari più di uno.

Siamo in uno degli ospedali più importanti di Milano e questo è il modo in cui si previene il rischio di scambio di neonati?
Ho riguardato il braccialetto di mia figlia, ho provato a sfilarglielo, impossibile, ora ero più tranquilla.
Ho chiamato a gran voce le infermiere dicendo a tono sostenuto che mia figlia aveva due braccialetti, come era possibile? Loro hanno recuperato il secondo braccialetto e non hanno detto nulla.

Quel braccialetto apparteneva a quel bambino con cui avevano scambiato la tutina, un maschietto dell’Equador, ovviamente impossibile da confondere con mia figlia.

Finchè sono rimasta in ospedale non ho detto più nulla, ma all’atto della dimissione ho cercato più volte il primario per denunciare quanto era accaduto, le infermiere sono state più abili di me a non farmelo trovare, se si perdono così facilmente i braccialetti il rischio di una scambio di neonati è altissimo.

Ho raccontato alla capo sala quanto era accaduto  chiedendole di riferirlo al primario e che il mese dopo, alla visita di controllo, avrei verificato che lo avesse fatto.

Il mese dopo in realtà ero talmente presa dall’essere mamma che poi non sono riuscita a verificare nulla.

Proprio ora, mentre sto scrivendo, ho di nuovo in mente l’immagine del braccialetto al polso di mia figlia e io che provavo in tutti i modi a sfilarlo senza riuscirci…per fortuna.

Genitorialmente|scambio di neonati-scambio in culla

 

(Visited 1.387 times, 3 visits today)
Similar posts
  • Lavoretti di Natale per bambini: segnaposti natalizi Una delle cose più belle di questo periodo, sono i mille Lavoretti di Natale per bambini che si possono creare per rendere più bella la casa o la tavola. Con i gemelli ho cominciato a preparare i segnaposto natalizi per il mega pranzo di famiglia. I segnaposto natalizi sono molto semplici da realizzare e si [...]
  • Come gestire la separazione con figli. La risposta delle psicologhe Prosegue la collaborazione con il blog Psyblog e questo mese parliamo di separazione e gestione della relazione con i figli. Come gestire la separazione con figli? La risposta delle psicologhe.   Come gestire la separazione con figli? La risposta delle psicologhe. Le storie di tre donne ci guideranno attraverso i problemi più importanti della separazione con [...]
  • Come scegliere la scuola superiore: 8 consigli importanti Come scegliere la scuola superiore: 8 consigli basati su esperienza e buon senso. Scegliere la scuola superiore è un percorso da affrontare con i propri figli con la giusta calma e determinazione. Ecco come. Come scegliere la scuola superiore giusta è la domanda che mia figlia sta facendo a se stessa e a noi ormai [...]
  • Come portare gli sci in spalla: porta sci fai da te Con tre bambini raggiungere le piste con gli sci in spalla, gli scarponi ai piedi e il terreno ghiacciato è una vera tortura; così abbiamo trovato come portare gli sci in spalla senza che diventi una tortura. La soluzione è il porta sci fai da te. In teoria ognuno dovrebbe portare i propri sci, io [...]
  • Come gestire la separazione con figli. Le paure di un genitore. Come gestire la separazione con figli è l’argomento di questo mese. Le storie di tre donne ci guideranno attraverso i problemi più importanti della separazione con figli. Due psicologhe ci aiuteranno con la loro esperienza a trovare le risorse per gestire questo momento così amaro e complicato   Racconteremo la storia di tre mamme: Selena, Antonella [...]

LASCIA IL TUO COMMENTO: A NOI INTERESSA!

17 Commenti su "Scambio di neonati in culla: a me è quasi successo."

Notify of
avatar
trackback

La paura di molti genitori: lo scambio di neonati in culla

Pensi sempre che capiti agli altri, invece è quasi capitato a me: Lo scambio di neonati in culla. Il braccialetto che danno al neonato e alla mama non è garanzia che queste cose non possano succedere. E’ successo nel reparto maternità di uno dei più i…

Lisa
Guest

O_o mio Dio! Per fortuna che non dovrebbero succedere più gli scambi di bambini in culla!
Immagino la tua ansia in un momento così già precario come i giorni dopo il parto!
Bacioni

Manu
Guest

Sai sul momento non ho realizzato bene, come dici tu, immediatamente dopo il parto sei confusa, me ne sono resa conto davvero quando ormai stavo per essere dimessa.
Ricordo benissimo che tenevo in braccio e stretta a me la mia bimba mentre parlavo con la Capo Sala. La mia bimba era al sicuro fra le mie braccia

maria chiara martin
Guest

Sono allibita!!!
E’ vero che in ospedale c’è sempre tanto da fare… ma questo non può giustificare la superficialità con cui hanno agito!
Il fatto che a te siano successi due episodi “strani” uno dietro l’altro… diciamo che non mi fa avere molta fiducia, purtroppo!

Manu
Guest

In quello stesso ospedale sono nata io tanti anni fa, è nata la mia prima figlia solo 2 anni prima e tutto era stato perfetto. Quella volta è successo davvero qualcosa di totalmente inaccettabile.
Dobbiamo sempre stare molto attenti, noi in primis

mammaalcubo
Guest

Possibile così tanta leggerezza??? meno male che è andato tutto bene, ma è da non credere!
ps: bellissimo il sito nuovo!!!

Manu
Guest

Hai visto cosa mi era successo? Pensa che invece due anni prima nello stesso ospedale, con la mia prima figlia, è stato tutto perfetto

ciao e grazie per il test, ha funzionato.

Patrizia
Guest

Certe cose non dovrebbero succedere!! Gli operatori dovrebbero prestare maggiore attenzione a ciò che fanno, hanno a che fare con persone non con oggetti!!

Manu
Guest

Hai ragione, hanno agito con grande superficialità. Mettendo il braccialetto alla prima neonata che era lì vicino e poi inventandosi la scusa che era nata piccola, una bimba di 4 Kg non può essere “confusa” con una bimba piccola, non si sono neanche presi la briga di inventarsi qualcosa di più credibile

Maria
Guest

Cavoli! Certo che a volte c’è veramente superficialità negli ospedali!
Anche io ho partorito la mia prima figlia a Milano ma è andata subito in terapia intensiva per grossi problemi quindi il rischio non c’è stato! (tutto risolto per fortuna!)
Complimenti per le novità del blog!
Un abbraccione Maria

Mamma avvocato
Guest

Cavoli che storia! leggo solo ora. Mi pare inconcepibile. E poi vorrebbero tutti punti nascita grandi, per ottimizzare i costi e “migliorare il servizio”? pazzesco! meno male che ho partorito ad Aosta!

ilaria cuzzolin
Guest

Ciao, io fossi in te farei il nome dell’ospedale. Almeno se vado a partorire lì so di dover stare doppiamente attenta 🙂 Cmq allucinante….

Valeria Piludu
Guest

Caspita Manu, ho avuto i brividi per tutto il post! Chissà quante cose succedono senza che noi ci accorgiamo di nulla, semplicemente ci fidiamo e confidiamo nella professionalità e correttezza delle persone. Quanta paura avrai avuto! È un brutto ricordo ma per fortuna tutto si è risolto come è giusto che sia, ti abbraccio forte e ti ringrazio per aver condiviso un così importante pezzo della tua vita!!!

wpDiscuz

Iscriviti alla Newsletter

Scuola – Schede da scaricare - Genitorialmente
Figli al centro – gli psicologi rispondono - Genitorialmente

Genitorialmente collabora con PsyBlog: PSICOLOGIA E RELAZIONI

Studio di psicologia Psynerghia

Per conoscerci o contattarci

Genitorilmente - Manu e Flavia - Chi Siamo        Genitorilmente - Manu e Flavia - Contatti

Fai like sulla nostra Pagina Facebook

I Nostri Archivi

I Nostri Argomenti Preferiti

Segnalati da…

Genitorialmente Creativi: The Creative Factory

Genitorialmente Cretivi: The Creative Factory

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: